Amo ciò che di tenace ancora sopravvive nei miei occhi,
adoro il mio essere perduto,
la mia sostanza imperfetta.

(Pablo Neruda)